Ci piace informarti

Radiografia digitale: l'importanza della diagnosi.

Tecnologia

L’evoluzione che ha interessato la radiologia in medicina è paragonabile al cambio avvenuto nel campo della fotografia passando dalla pellicola al formato digitale.
La radiologia moderna, infatti, ha messo a disposizione degli odontoiatri e dei pazienti stessi, strumenti molto più efficaci e precisi per effettuare un diagnostico preciso facilitando enormemente la predicibilità e successo nelle chirurgie orali e maxillo-facciali. Il passaggio alle immagini digitali ha permesso una drastica riduzione della dose di radiazioni assorbita dai pazienti per ottenere immagini di qualità.

Solo dieci anni fa la TAC delle mascelle (più comunemente nota come Dentascan) veniva richiesta solo per i casi più complessi, oggi, grazie alle TAC volumetriche a basso dosaggio, possiamo considerarla come un esame di routine nella pianificazione della totalità degli interventi di implantologia. La conseguenza principale è che abbiamo la possibilità di simulare gli interventi chirurgici su un paziente virtuale, valutando con precisione la presenza delle strutture anatomiche da rispettare (previsualizzando “dall’interno” il risultato del nostro lavoro), che eseguiremo poi con maggiore precisione e sicurezza.

Anche l’implantologia “guidata” ha fatto grandi passi avanti, garantendo oggi un elevato livello di affidabilità, legato alla maggior precisione delle immagini 3D (ottenute tramite TAC volumetrica) su cui si basa la progettazione e la realizzazione delle guide chirurgiche che l’implantologo userà per inserire gli impianti.
La qualità delle radiografie digitali endorali (le comuni radiografie del dentista), delle panoramiche e di tutte le radiografie di impiego comune in odontoiatria ha finalmente superato la qualità delle radiografie tradizionali; con il vantaggio di una considerevole riduzione della dose di raggi assorbita dai pazienti. Fermo restando che una radiografia deve essere eseguita solo a fronte di una reale necessità, l’esposizione necessaria per eseguire una radiografia orale digitale è circa un decimo di quella necessaria per la stessa radiografia in versione chimica, con evidenti ricadute sulla sicurezza di grandi e (soprattutto) piccini.

Da non dimenticare, infine, che la tecnologia digitale non necessita di bagni chimici per lo sviluppo delle immagini, che son difficili da smaltire e comunque altamente inquinanti.

Possiamo aiutarti?

I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.

Cliccando su "Invia" dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy e di acconsentire al trattamento dei miei dati personali.

I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.

Cliccando su "Invia" dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy e di acconsentire al trattamento dei miei dati personali.